MeteoSpam di Lord Von Criceto

METEOSPAM di Lord Von Criceto

E poi ci sono le stagioni che non si decidono, o forse scelgono di menarci per il naso perché alla fine, se avessi il potere di guardare il genere umano tutto, dall'alto, con fili resistenti legati alle dita, lo farei anche io. E se son solo stagioni che ci prendono per il culo, andiamo, non odiatele, e ammettiamo che la nostra è solo invidia, il desiderio di quella meravigliosa possibilità. Ci stiamo sui coglioni, siamo un genere che si odia, e desidera esser Dio per torturare i propri simili liberamente, impunemente.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

Dicevano tutti di voler salvare il mondo, ma in realtà volevano tutti fottersi la vicina di casa affascinata dal potere di un supereroe. E le vicine di casa all'inizio erano estasiate da tanta copia di dotati, ma alla fine, come ogni cosa abusata, diventa in fretta moda e ancora più in fretta noia. Frivolezze che distraggono, consumano, ci dirottano verso obbiettivi sbagliati cancellando lo scopo nobile e altruista che caratterizza un supereroe. Così le vicine di casa si ruppero le balle dei supereroi e ripresero a trombarsi uomini nudi.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

Gallaccio uscì ventisette volte prima di riuscire a tornare con il sale. Se non fosse che non c'era più nessuno da uccidere per strada, non ce l'avrebbe fatta neanche la ventisettesima volta. Dopo le scorribande del Gallaccio erano rimasti solo i mimetici e i mutaforma. Tipo quelli che in una settimana di palestra passavano dalla condizione invernale alla muta turgida, liscia e oleosa per la spiaggia. Gallaccio quelli non li uccideva, li scambiava per gronghi e li portava a casa per fargli vivere dentro le bacinelle.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

La resistenza si assottigliava, sguardo dopo sguardo, incapace di contenere l'ondata prepotente degli scagnozzi del sindaco che bruciava cose/pensieri/persone con gli occhi. L'organizzazione dei ribelli lasciava però molto a desiderare. “Lo circondiamo e lo attacchiamo da tutti i lati!”, fu il primo piano degli artisti, che erano troppo cool per mischiarsi alla mediocrità di eroi potenziati. Erano differenti, loro, impegnati, sensibili agli occhi a palla dei gattini, ecologicamente coinvolti. Facevano gli indiani, loro.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

Ma il Nonno in paese non si trovava e vennero tempi bui e difficili. Tanto bui da rimpiangere le felpe di Matteo Salvini. Eppur rimasugli di cerebrolesioni rimanevo dietro le propagande casapaundistiche, come il limo al ritirarsi delle inondazioni del Nilo. Per troppi bastava crederci. Allora acquisivano superpoteri indossando felpe e magliette che lo specificavano.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

Ma metti un giorno che ti svegli e puoi spostare le stelle. Dici, ma un superpotere più utile no? Perché siamo genti che non guardano lontano, preferiremmo parlare coi bancomat, banalmente volare, magari saper trasformare tutto in oro e rinunciare alla gioia della masturbazione. Sparare raggi dagli occhi? Sollevare cingolati con una sola mano? No, semplicciotti, spostare le stelle.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

C'era il Nonno, c'era Frasca, c'era il Gallaccio, c'era Fascione, c'era Beppe Caverna, c'era Il Colonello che era cieco e da oggi possiamo tener nel conto anche Innio, l'innesto di castagno che aveva sulla spalla e che aveva ripreso a germogliare e c'era Charly il gatto e Gigi, il Generale Panzer e kalashnicov (che avrete sicuramente notato che lo scriviamo ogni volta diverso perché non sappiamo come si scrive calascnicov, ma tanto ci interessa solo l'aspetto fonetico!). In piedi. Perché gli altri stavano tutti seduti. Zitti. Perché parlavano tutti, tutti insieme.

METEOSPAM di Lord Von Criceto

Non fu il Fato, neanche la sorte. Non maledite la fortuna, non chiamate in causa alcun Dio. Lo so, lo so, l'abbiamo di vizio dar la colpa all'irraggiungibile, che l'irraggiungibile non ci può raggiungere neanche lui e tutto finisce lì. Tecnica sublime, vero. Ma no, non fu Fato, neanche la sorte. Fu che tanto si da la colpa all'irraggiungibile, fu che non ci possiamo far nulla se l'irraggiungibile vuole e, Siori e Siore, il mondo del faunpocomecazzotipare ingrassa di inutile. Si fulmina una lampadina?

Pagine