La Guerra Sotto il Cespuglio - 3° tappa: La Guerra

La unica e sola verità giace immobile sotto la polvere. Strati spessi di illusioni, favole in baratto con sonno. Ma, nel sonno, un sogno talora la vince e sporco ci svela la eco indelebile di quella unica sola verità. Desiderio. Gloria lo soddisfa e Guerra, delle glorie, è la madre più fertile.

Guardiamo il mondo oltre il cemento, oltre la plastica e i vetri sensibili, con il romanticismo infantile di chi si è fermato, rassegnato e si abbandona alla mera speranza. Delle volte è un sogno di pace, altre volte è un posto tranquillo. Spessissimo è la convinzione che dove si vedono le stelle, si sente profumo di fiori e il canto degli uccelli, lì si trovi il paradiso perfetto.

Ma è il riparo dell'ignorante, l'illusione dell'arreso e dell'indolente, una comoda bugia. Il mondo è bello perché è Epico. In ogni suo istante, in guerre, cacce, fughe, strategie, amori, silenzi, sorrisi e pianti. Epico. È quell'epico battere che rende ogni particolare di vita un gioiello. Il resto è una fuga. Nascondersi. Non c'è pace perfetta, perché fosse perfetta sarebbe noia, niente di così splendido.

Ecco perché vi chiediamo di partecipare alla guerra sotto il cespuglio. Perché mostriate il mondo oltre il sipario, a chi leggerà. Perché sveliate che non c'è passione senza corsa, non c'è passione senza battaglia, non c'è amore senza pianto. Perché son tutte le cose da cui scappiamo, le più scomode, a far delle belle cose, cose meravigliose. Cucite la vostra armatura, scegliete le ali più adatte a voi, il motivo che più vi accende, trovate la chiave, aprite la porta e non preoccupatevi di sopravvivere per forza all'avventura. Fate di tutto perché sia una splendida avventura.

 

Le chiavi - racconti 1° tappa

(I racconti della prima tappa potranno essere votati non oltre il 10 ottobre 2016)

L'uomo in frac ( 8*)

La lunga strada verso casa (13*)

Il cielo ha uno strano colore (8*)

Gan (2*)

L'isola del Gheppio Bianco - 1 L'isola di vetro (16*)

La Chiave (1*)

_________________________________________________________________

Le Porte - racconti 2° tappa

(I racconti della seconda tappa potranno essere votati non oltre il 15 novembre 2016)

La gabbia d'oro (*8)

La porta delle tenebre (*2)

La lunga crepa sullo specchio (*6)

Il sapore dell'acqua (*7)

Gan (*6)

 

Regolamento 3° tappa:  

La guerra

 

Ed ecco l'ultimo terzo. Adesso dovreste tirare furoi l'asso magnifico che aspetta dentro la manica, Non fate l'errore di pensare che sia la parte più scontata. Ora siete chiamati a svelare tutte le carte. Proprio qui, sulle soglie della Guerra.

 

Art.1 - Personaggi, presentati. Mondo, cambiato. Ora c'è la guerra. Un consiglio: non sentitevi in obbligo di alzare polveroni, buttarvi nella mischia. Preoccupatevi di farci sentire in dovere di prendere una parte.

Art.2 - Attenzione! La parte difficile del raccontare è che man mano che si procede lungo una storia i compiti non vengono sostituiti: se ne aggiungono di nuovi. Il lavoro e la concentrazione aumentano. I personaggi sono stati presentati, non significa che la caratterizzazione sia conclusa: Non si finisce mai di lavorare su di loro. Ogni evento, ogni sobbalzo smussa e modifica piano piano anche il loro modo di pensare, vedere, comportarsi. I personaggi non sono "dipinti" che una volta finiti rimangono fedeli a sé stessi. Cambiano, e scoprire che esistono nuovi mondi credo sia un'esperienza che farebbe cambiare tutti noi. quindi non dimenticatelo.

Art.3 – Ora il mondo d'origine è svanito. Solo riflessi di rimbalzano sono utili per rafforzare il colore dei vostri personaggi. Più tempo passate in memorie e ricordi, minore sarà lo spazio che avrete a disposizione per cambiare scena e rendere vera la guerra. La guerra è una massa imponente di motivi personali e ideali. Questo ci serve. la spinta più intima che coinvolge ognuno dei guerrieri legata alle motivazioni più politiche o ideali di massa. Questa combinazione da solitamente percorsi contraddittori che complicano scene e ambienti.

Art.4 – Non ci interessa chi sia nel giusto e chi sia in errore! Attenti a non ripulire troppo il vostro eroe.

Art.5 – Evolve la storia e evolvono i modi, non dimenticatevi dei consigli guadagnati con le tappe precedenti.

Art.6 – Il testo deve rientrare tra un minimo di 8000 e un massimo di 16000 battute (spazi compresi)

Art.7I testi della seconda tappa devono essere consegnati a info@lapiccolavolante.com entro e non oltre le ore 23:59 del 10 dicembre 2016.

Art.8- le modallità di voto rimangono identiche per ogni tappa (con pareri e consigli, che siamo qui per imparare non per renderci splendidi per cinque minuti), alla fine della terza tappa si sommeranno le votazione di tutte e tre le fasi.

Art.9 – Come sempre, non ci interessa che arriviate a dare una soluzione alla storia, una fine. Ci interessano i modi e il soggetto. Non trascurateli per dirci a tutti costi come finisce la storia. Se saprete convincerci, presto o tardi ve lo chiederemo noi.

Art.10 – Le decisioni dei graduati della LPV non sono in alcun modo discutibili.

Art.11 – I testi verranno pubblicati su LaPiccolaVolante, e potranno essere votati dagli utenti. Tutti i votanti hanno l'obbligo di scegliere almeno tre testi e votarli in ordine di preferenza con 1,2 e 3 asterischi (*,**,***): 3 per il testo preferito, 2 per il secondo testo e 1 per il terzo testo preferito. Non oltre le ore 23:59 del 16 dicembre 2016

La singola preferenza al solo testo preferito non verrà presa in considerazione.

Per votare i racconti, dovrete fare il login sul sito. Avvisiamo: non terremo conto dei voti inseriti come commenti su cosobuk e altri social. Partecipate. Chi racconta non ha bisogno di stelline, ma consigli.

Art.9 - Con eccezione del numero delle battute concesse, gli articoli del regolamento che segna le linee generali del comportamento qui a LaPiccolaVolante rimangono valide.

ATTENZIONE: LPV NON organizza premi letterari, concorsi letterari o tutte quelle robine che a vincerle vi mandano in panne il cervello convincendovi scrittori! NONONO!

Veniate a bordo per giocare! Imparare e dare consigli! Per il più piccolo approccio violento, Noi vi cacciamo. Per ogni atteggiamento offensivo, Noi vi cacciamo.

Fate manovre torbide al momento delle votazioni, e noi vi cacciamo! Richamate il favore di amici o debitori di voti, e noi vi cacciamo.

Pubblicate qualcosa di non inedito e noi vi cacciamo. Presentatevi “Io sono scrittore!” e noi vi ridiamo in faccia poi vi chiederemo di levarvi dalle balle. Mostrate medaglie, onori o “pavonerie” simili e finisce come sopra.

Vi avvisiamo: Autori a pagamento? Editori a Pagamento? Per cacare tanto è sempre in fondo a destra! Buon gioco!  

Per votare i racconti, dovrete fare il login sul sito. Avvisiamo: non terremo conto dei voti inseriti come commenti su cosobuk e altri social. Partecipate. Chi racconta non ha bisogno di stelline, ma consigli.

 

 

 

 

Benvenuti!

Benvenuti nel laborario di scrittura LaPiccolaVolante!

LaPiccolaVolante è il nome della nostra nave pirata, la leggendaria ammiraglia-satellite su cui viaggiamo. Una nave castellomorfa (se non ci credi guarda il nostro logo), che traccia la scia sulla rotta d'un mondo nuovo fatto di spostati, stanchi del mondo spento. Non abbiate paura, non esitate, non vergognatevi di partecipare ai nostri giochi di scrittura.

Mercanti di storie, siamo, non di premi. Non ci serve che siate i migliori scrittori, non ci serve che siate i migliori studiosi.

Ci serve che la sera quando tornate a casa, sentiate il bisogno di una storia e non della televisione, che un mondo tutto vostro accendiate. Quanto non conoscete, ve lo insegneranno gli altri, a bordo, quanto saprete, lo insegnerete agli altri, a bordo. Se prima d'ogni bravura, anche per voi, c'è il sorriso di chi una storia vuole sentire o raccontare...

Restate a bordo di LaPiccolaVolante!

SCOPRI I GIOCHI ORMAI GIOCATI