Jeremia DeepBottom Steampton

Gioca con Jeremia DeepBottom Steampton, il mercante steampunk

La piazza più strana. "Qui è strano!". "Qui è strano, sì, Signore!".Tanto legno, tanto cuoio. Impercettibile mormorio di ingranaggi. "Dove siamo, Vandel?", "È dove credono ancora negli alberi, Signore". Jeremia Deepbottom Steampton saltò giù dalla tasca, tacchetti piantati sul legno del balconcino, dritto impettito lui, dritto e valoroso il bastoncino nero, dritta la tuba, petto in fuori, mento in fuori, arricciata ai baffeti, sguardo sottile sopra l'arco ampio del naso. "Ho un naso grande, Vandel?", "Ha un naso, Signore. Mi sembra una buona cosa.", "Una buona cosa, sì, Vandel, una buona cosa". Prese a ticchettare avanti e indietro, direzionando il viso sottile come un periscopio. "Dove credono negli alberi, Vandel?", il servitore annuì, "Si, Signore.". Jeremia immobile di punto, s'accigliò sull'espressione di Vandel. "Vandel?", "Sì, Signore?", "Ma tu non le batti mai le palpebre?", "Sette volte al giorno, Signore!". Il mercante annuì con cenno ampio da parer un inchino. "Brrrravo!", e con il ditino puntato al cielo, "E non dimenticartene mai! Eh!", "No, Signore, non me ne dimentico mai!", "E che ci facciamo..." agitava le braccia tutt'intorno "...qui, vandel?". "il mercato, Signore?" Il bottegaio, toltosi con calma la tuba, sistematosi la plasticissima riga sulla testa, levatosi il guanto nero, ripostolo in tasca, spolverato il giaccone biforcuto, acquisita una postura dritta sul fedele bastone, si picchiò il palmo sulla fronte. “Ah! Vero!” e ritirato il guanto dalla tasca, risistemato il giaccone biforcuto, assicurata la tuba sul capolino disse “Ah, se non avessi te, Vandel!”, “ne avrebbe un altro, Signore, che porti la tasca comodamente arredata per i suoi viaggi, Signore.”, “E dove lo troverei, Vandel, uno che non si preoccupi che ne possa avere un altro con un 'altra tasca?”. Vandel non rispose, lo fissava come si fissa qualcosa di insignificante, come per lui quella domanda. Jeremia lo guardava come si fissa qualcosa di meravigliosamente affascinante.”, “Sei strano, Vandel.”, “lei vive in una tasca, Signore!”, Allora strano è questo posto?”, “Sì, Signore. Ma adoperiamoci, Signore. Entro una settimana dobbiamo tornare a casa!”. Il piccolo omino saltellò sul balcone e, come acceso da un interruttore, prese a gridare il bando e Vandel gli stette dietro in grida più alla portata di grandi orecchie.

 

“OH, VOI SIORI! OH VOI SIORE! BELLE, BELLI E, NON SARO' DISONESTO, ANCHE BRUTTI E BRUTTE E PERNICIOSE PERSONCINE! OH, SOPRATTUTTO VOI PATETICI INSODDISFATTI, INVIDIOSI, AMBIZIOSI AVVICINATEVI! CHE NIENTE AL MONDO VI SARA' D'AIUTO, NIENTE VI SARA' DI SOLLIEVO! AL BANCO, VENITE, SIGNORI, GRAVI E GOFFI DI PORZIONI D'ANIME E SCRUPOLO STUPIDI E INGOBRANTI! NOI, CHE DAL DOVE NON DOVRETE MAI PREOCCUPARVI, VENIAMO PER PORRE LEGGERE LEGHE IN LUOGO DI ARTICOLAZIONI STANCHE! AL BANCO SIGNORI! SIGNORE, JEREMIA DEEPBOTTOM STEAMPTON E' TORNATO! SOLO PER UNA LECCATA SUL CUORE, AVRETE CIO' CHE NESSUN DIO E' IN GRADO DI CONCEDERVI! AL BANCO SIGNORE, SIGNORI, BELLI E BRUTTE!

Art.1 | I testi dovranno contenere un minimo di 6000 battute (spazi compresi) e un massimo di 10000 battute (spazi compresi).

Art.2 | I testi devono essere consegnati a info@lapiccolavolante.com entro e non oltre le ore 23:59 del 25 aprile 2015.

 

Art.27/b | Le trattative con Jeremia dovranno iniziare entro il 5 aprile 2015 e concludersi entro 3 giorni.

 

Art.3 | Questo è un gioco steampunk. Non è ammessa variazione di genere. Il banco ha scelto un posto apparentemente poco meccanico, ma non vi è concesso usare l'ambientazione iniziale come scusa. Riempitelo di meccaniche a vapore!

Art.4 | Per partecipare al gioco, dovrete inoltrarvi in una trattativa con il mercante tascabile Jeremia DeepBottom Steampton: contattatelo sulla sua pagina personale
 

https://www.facebook.com/pages/Jeremia-Deepbottom-Steampton/597520843612240?fref=ts

 

presentatevi, e convincetelo a vendervi qualcosa a voi utile. Attenzione: Jeremia è suscettibile, permaloso. Lui non può morire, può solo arrabbiarsi e certamente può scegliere di uccidervi. Se Jeremia sceglierà di uccidervi, la trattativa finisce e non potrete proseguire il gioco. La trattativa verrà pubblicata fuori concorso, insieme agli altri racconti in gara.

 

Art.5 | Se Jeremia sarà persuaso a vendervi l'oggetto da voi richiesto o un oggetto simile (è libero di proporvi anche un accordo per un artefatto da lui scelto), sarete obbligati a rispettare, nella stesura del racconto, le condizioni e le conseguenze del possesso e dell'utilizzo dell'oggetto.
 

Art.6 | I testi pubblicati su LaPiccolaVolante potranno essere votati dagli utenti. Tutti i votanti hanno l’obbligo di scegliere almeno tre testi e votarli in ordine di preferenza con 1,2 e 3 asterischi (*,**,***): 3 per il testo preferito, 2 per il secondo testo e 1 per il terzo testo preferito.

La singola preferenza al solo testo preferito non verrà presa in considerazione.

Comportamenti irrispettosi, maleducati degli utenti votanti non sono ammessi, Cancelleremo ogni preferenza, ogni commento degli eventuali utenti che se ne renderanno colpevoli.

Atteggiamenti scorretti da parte degli autori verranno sanzionati irrevocabilmente con l’esclusione del testo dalla gara.

Le scelte degli amministratori non sono in alcun modo discutibili. Seguite il regolamento.

ATTENZIONE:
LPV NON organizza premi letterari, concorsi letterari o tutte quelle robine che a vincerle vi mandano in panne il cervello convincendovi scrittori! NONONO!

veniate a bordo per giocare! Imparare e dare consigli!
Per il più piccolo approccio violento, Noi vi cacciamo. Per ogni atteggiamento offensivo, Noi vi cacciamo.

Fate manovre torbide al momento delle votazioni, e noi vi cacciamo! Richamate il favore di amici o debitori di voti, e noi vi cacciamo.

Pubblicate qualcosa di non inedito e noi vi cacciamo. presentatevi “Io sono scrittore!” e noi vi ridiamo in faccia poi vi chiederemo di levarvi dalle balle.
Mostrate medaglie, onori o “pavonerie” simili e finisce come sopra.

Vi avvisiamo: Autori a pagamento? Editori a Pagamento? Per cacare tanto è sempre in fondo a destra!

Buon gioco!

 

Art-7 | Con eccezione del numero delle battute concesse, gli articoli del regolamento che segna le linee generali del comportamento qui a LaPiccolaVolante rimangono valide.

FuckThePhoto

FuckThePhoto: nuovo gioco di scrittura online!

No, non ci interessa. Non ci interessa sentirvi dire quanto è bello il personaggio, che bella foschia da sogno lo avvolge. Non ci interessa ammirare le diapositive del viaggio di nozze degli sposi. Stavolta lasciate il fotografo dentro di voi chiuso nel cassetto. Non è invitato. FuckThePhoto! Stavolta qualunque cosa rimarrà fermo a farsi fotografare, descrivere, qualunque cosa pretenderà l'attenzione posando immobile per il cantastorie verrà escluso. Vi chiamiamo a raccontare una storia. L'operatore di camera non potrà fermarsi, nessuna zoomata sui risvolti della giacca, niente primi piani sulle capigliature fascinose degli eroi. Per questo turno non potrete descrivere. Visi, Paesaggi, vestiti, strade, orizzonti, cessi, cucine, niente!

 

Le votazioni verranno chiuse alle ore 23:59 del 10 aprile 2015

 

Sono destinata a restare

Sette

Red Carpet

Prendo posizione

Libic pizza

La fine

Il signore sotto al bosco

Il giardino dell'Eden

Il corno dei saggi

Elfotografero

16 giugno 1904

Art.0 | Non sono ammessi giocatori di età inferiore ai 17 anni. Non ce ne vogliate, ci sentiamo più sereni così.

Art.1 | I testi dovranno contenere un minimo di 6000 battute (spazi compresi) e un massimo di 12000 battute (spazi compresi).

Art.2 | I testi devono essere consegnati a info@lapiccolavolante.com entro e non oltre le ore 23:59 del 20 marzo 2015.

Art.3 | In questo gioco non è consentito fermarsi/fermare il personaggio per dilungarsi in descrizioni. Le descrizioni sono vietate. Tutte le descrizioni.

Art.4 | Vieteremmo anche gli aggettivi, ma già ci sono arrivate alcune teste di cavallo via posta. Allora ci limitiamo a suggerirvi di farne uso con il contagocce.

Art.5 | Utilizzate il vostro personaggio. Quello che fa, dove va, porta conseguenze che sostituiscono ogni descrizione: se cammina su un terreno molle, la scarpa affonda. Se percorre una salita, non descrivete la salita, vestite di fatica il vostro personaggio.

Non di occhi belli e verdi, capelli al vento o pistoloni laser è fatto il vostro personaggio ma di modi, carattere, gesti e scelte. Dedicatevi a questo non a descrivere, qualcosa o qualcuno.

Art.6 | Siamo a caccia di personaggi. Senza un personaggio di spessore non c'è storia che valga la pena di raccontare. Allora bando alle istantanee mangiabattute, e presentateci un bel personaggio.

Art.7 | La storia sceglietela voi. Il genere sceglietelo voi. Ma attenti, ogni contesto deve trasparire dal rapporto che ha il personaggio con il mondo intorno. Non è facile, trovate la vostra soluzione concentrandovi solo sul personaggio, i suoi gesti e le conseguenze di quei gesti. Non descriveteci palazzoni d'acciaio, foreste vergini, mattoni crudi o pareti di legno per confermare il genere. Usate un vocabolario, un suono, conseguenze a ogni gesto per colorare il vostro mondo.

Art.8 | Questa volta, anche dopo la pubblicazione sul sito, ogni PESANTE contravvenzione al regolamento causerà la cancellazione del racconto dal gioco.

Art.9 | I testi pubblicati su LaPiccolaVolante potranno essere votati dagli utenti. Tutti i votanti hanno l’obbligo di scegliere almeno tre testi e votarli in ordine di preferenza con 1,2 e 3 asterischi (*,**,***): 3 per il testo preferito, 2 per il secondo testo e 1 per il terzo testo preferito.Le votazioni verranno chiuse alle ore 23:59 del 10 aprile 2015. Per votare bisogna iscriversi come utenti al sito (QUI).

La singola preferenza al solo testo preferito non verrà presa in considerazione.

Comportamenti irrispettosi, maleducati degli utenti votanti non sono ammessi, Cancelleremo ogni preferenza, ogni commento degli eventuali utenti che se ne renderanno colpevoli.

Atteggiamenti scorretti da parte degli autori verranno sanzionati irrevocabilmente con l’esclusione del testo dalla gara.

Le scelte degli amministratori non sono in alcun modo discutibili. Seguite il regolamento.

ATTENZIONE:
LPV NON organizza premi letterari, concorsi letterari o tutte quelle robine che a vincerle vi mandano in panne il cervello convincendovi scrittori! NONONO!

Veniate a bordo per giocare! Imparare e dare consigli!

Per il più piccolo approccio violento, Noi vi cacciamo. Per ogni atteggiamento offensivo, Noi vi cacciamo.

Fate manovre torbide al momento delle votazioni, e noi vi cacciamo! Richamate il favore di amici o debitori di voti, e noi vi cacciamo.

Pubblicate qualcosa di non inedito e noi vi cacciamo. presentatevi “Io sono scrittore!” e noi vi ridiamo in faccia poi vi chiederemo di levarvi dalle balle.
Mostrate medaglie, onori o “pavonerie” simili e finisce come sopra.

Vi avvisiamo: Autori a pagamento? Editori a Pagamento? Per cacare tanto è sempre in fondo a destra!

Buon Gioco.

 

 

 

Benvenuti!

Benvenuti nel laborario di scrittura LaPiccolaVolante!

LaPiccolaVolante è il nome della nostra nave pirata, la leggendaria ammiraglia-satellite su cui viaggiamo. Una nave castellomorfa (se non ci credi guarda il nostro logo), che traccia la scia sulla rotta d'un mondo nuovo fatto di spostati, stanchi del mondo spento. Non abbiate paura, non esitate, non vergognatevi di partecipare ai nostri giochi di scrittura.

Mercanti di storie, siamo, non di premi. Non ci serve che siate i migliori scrittori, non ci serve che siate i migliori studiosi.

Ci serve che la sera quando tornate a casa, sentiate il bisogno di una storia e non della televisione, che un mondo tutto vostro accendiate. Quanto non conoscete, ve lo insegneranno gli altri, a bordo, quanto saprete, lo insegnerete agli altri, a bordo. Se prima d'ogni bravura, anche per voi, c'è il sorriso di chi una storia vuole sentire o raccontare...

Restate a bordo di LaPiccolaVolante!

SCOPRI I GIOCHI ORMAI GIOCATI