CondiversioniII

L'uomo Lupo (di Sasha)

0.0

Belfast. Strano nome per un ragazzo. Non solo perché è il nome di una città. Una capitale, situata in un paese bellissimo, freddo e popolato da grandi intenditori – e bevitori poco anonimi – di birra.

 -    Ciao, io sono Belfast. Nato a Belfast e residente a Belfast.

Fa sempre uno strano effetto. Farà sempre uno strano effetto. Non importa se si respiri sotto il sole o se si ansimi sotto la pioggia. Che io stia vivendo il peggior incubo della mia vita non conta niente se mi rifiuto di essere svegio.

Maria - Mutazioni (di AlexValeri)

Rimasi impietrita quando mi rivelarono la mia sentenza. Ero mortalmente sfinita quando mi chiusero qui dentro, ad un centimetro dall’oblio e ad un passo dall’ascensione. Nel limbo verboso di una non esistenza materiale, e di una avida brama di divino. Sempre costretta a saltare da una parte ad un’altra per paura di essere schiacciata. Dopo i primi mesi di cecità e di una quasi totale assenza di rumore, se non fosse per gli echi dei miei passi attraverso le storie di questa trappola, cominciai ad organizzare la mia memoria per non impazzire.

Cyfer - Il test (di MasMas)

Cyfer percorre il corridoio della base. Test di controllo e verifica annuale. Come se essendo un robot potessi cambiare da un anno all’altro.

Raggiunge una linea rossa sul pavimento. Guarda in alto dove una telecamera lo sta inquadrando.

La verifica la dovrebbero fare loro, invece. Quel ciccione del Colonnello Grady, ogni anno dovrebbe fare il tagliando alla panza, visto quanto gli cresce.

Dagli altoparlanti inseriti nel muro viene una voce di donna: “Cyfer, ti ricordo che monitoriamo anche i tuoi pensieri.”

Edward (di DK)

L'agente immobiliare gli aveva elargito un sorriso sospetto, con le sopracciglia arcuate come per scusarsi, prima di mostrargli il prospetto del " delizioso locale rustico, indipendente, nei pressi di Cathole."

"Cat-hole?" aveva ridacchiato Ed con un colpo di tosse pieno di nicotina. Quel posto doveva essere un buco di...

"Ca-thole." lo aveva interrotto l'altro, anticipando una battuta che non aveva più voglia di sentire, "e costa poco perché è una casa infestata."

Ed aveva risposto con un grugnito interessato, e aveva preso il foglio in mano.